giovedì 21 febbraio 2013

A Palermo i Giovani per la Pace contro il freddo che uccide i poveri


Il 18 gennaio 2013 viene trovato senza vita Ibrahim, senzatetto marocchino, nei pressi del Foro Italico a Palermo. Forse, a stroncare la sua vita, il freddo. 
Il suo corpo è stato trovato per strada: nessuno in quel momento sapeva chi fosse, nessuno ricordava il suo nome. Sono gli amici che la Comunità di Sant'Egidio incontra il lunedì per un pasto caldo e le coperte, che ci aiutano a riconoscere Ibrahim e a ricordarlo nella preghiera.
Di fronte al dramma di queste vite sole ed esposte al freddo, i Giovani e gli Universitari per la Pace di Palermo hanno voluto rispondere con un gesto di solidarietà che aiuta a riscaldare le notti fredde di questi giorni e a rompere anche il gelo della solitudine e dell'indifferenza, organizzando una serata per raccogliere le coperte e stare insieme, perché insieme si può dare un aiuto concreto e fare un grande gesto di amicizia! 

Abbiamo coinvolto i nostri compagni di liceo, i nostri colleghi all'università, tutti i nostri amici, così sabato 16 febbraio in tanti hanno partecipato al Coperta Party, e in tanti sono arrivati con coperte, piumoni, sacchi a pelo… e con la musica! 
La serata di Villa Ranchibile si è animata così con tanti giovani, uniti dall'invito "riscalda la notte, riscalda il cuore".
Da lunedì si continua a distribuire un pasto caldo e una coperta a chi vive per strada, ma adesso le notti di Palermo sono più calde, grazie alle coperte e a tanti nuovi amici.

Nessun commento:

Posta un commento