lunedì 20 novembre 2017

I nuovi poveri in uno speciale di RAINews24 da rivedere #GiornataMondialedeipoveri

In studio Daiana Paoli e  Paolo Ciani della Comunità di Sant'Egidio hanno dato voce ai poveri che papa Francesco ha voluto mettere al centro  della vita della Chiesa e dell'attenzione del mondo. Ma anche alle tante iniziative di solidarietà che non mancano e di cui speso si parla tanto poco.
Un servizio interessante da rivedere, per comprendere meglio il mondo della povertà.
"I poveri sono un popolo.  - ha spiegato infatti Paolo Ciani - Noi ci facciamo prossimi andando in strada, portando aiuti concreti, cibo, bevande calde... ma poi ci fermiamo a parlare con loro e scopriamo tanti lati umani: persone che hanno perso il lavoro, o hanno problemi in famiglia. Si può scivolare nella povertà da situazioni di normalità. I poveri non sono una categoria a parte, ma persone normalissime scivolate per tanti motivi in una situazione di bisogno".
Il servizio accompagna la Giornata voluta dal papa e in qualche modo ne sottolinea le parole: "L’omissione è  il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza. È dire: “Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società”. È girarsi dall’altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". (Il testo completo dell'omelia di papa Francesco su Vatican.va)


Nessun commento:

Posta un commento