mercoledì 2 agosto 2017

A Santa Maria di Leuca per costruire un ponte nel Mediterraneo


Dal 10 al 14 agosto centinaia di giovani saranno a Santa Maria di Leuca per confrontarsi sulla pace, l'accoglienza ai migranti e la cooperazione. Cinque giorni di dialogo e preghiera, nell'estremo lembo del continente europeo, per guardare al futuro con speranza e costruire un ponte tra le due sponde del Mediterraneo.

Così scrivono gli organizzatori:

Attraversiamo un tempo difficile, in cui temi come il Dialogo Interreligioso, la Pace, l'Immigrazione, il ruolo dell'Europa verso i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo riempiono l'agenda politica ma appaiono distanti dalla vita delle persone. I continui riferimenti all'emergenza rischiano di spaventare e di alimentare facili populismi, finendo per spegnere i riflettori sull'importanza fondamentale dei diritti dell'uomo, sulla umanità necessaria, sulla dottrina sociale della Chiesa e sul futuro dei giovani.
Per questi motivi, proprio dai giovani arriva un contributo straordinario: si chiama "Carta di Leuca", un meeting nato spontaneamente e raccolto dal Parco Culturale "Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae" che, situato sulla punta estrema della Puglia, dell'Italia e dell'Europa immersa nel Mediterraneo, vive quotidianamente il proprio essere "ponte" tra i continenti, tra le culture, tra le genti e le fedi.
Ed ecco che centinaia di giovani, forti delle proprie diversità ma accomunati dal desiderio di "costruire ponti", intendono rispondere all'invito di Papa Francesco e riprendere le parole e la testimonianza di don Tonino Bello che - proprio qui nel Salento - continuano a fare luce come il faro di Leuca per i naviganti.
Il meeting "Carta di Leuca" si svolgerà dal 10 al 14 agosto: cinque giorni di "tavoli della convivialità" per confrontarsi sui temi che riguardano la pace, la fraternità e la cooperazione, al di là dei mari, dei muri e delle barriere, come ingredienti di futuro e di felicità.
Un evento che, edizione dopo edizione, diventa più ricco di proposte, con concerti organizzati dalla Fondazione "Notte della Taranta", momenti di svago, degustazioni tipiche, visite guidate, esperienze di ecoturismo e cicloturismo e, naturalmente, di mare.
E poi il gran finale, con la fiaccolata notturna di 11 km da percorrere a piedi, dalla tomba di don Tonino al Santuario di Santa Maria di Leuca, verso un'alba di pace, quando la proclamazione della "Carta" sul piazzale monumentale, benedetta da una Santa Messa celebrata dal Vescovo mons. Vito Angiuli, diventerà un appello di Pace che i giovani rivolgeranno ai potenti della Terra, per lanciare un nuovo forte appello per promuovere un Mediterraneo "porto di fraternità", chiedendo maggiore sensibilità verso la Custodia del Creato e il rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo.
L’evento gode del partenariato della Conferenza Episcopale Italiana, dell’Agenzia Nazionale Giovani, di Focsiv, Comunità Sant'Egidio, Migrantes, Pax Christi, Caritas Italiana, Cofcooperative, Federculture, Centro Sportivo Italiano, Fondazione con il Sud, Banca Etica, Finetica, Regione Puglia e numerose altre autorevoli realtà capaci di proiezione internazionale.

Maggiori informazioni
www.camminidileuca.it
info@camminidileuca.it

Nessun commento:

Posta un commento