martedì 10 marzo 2015

Mi chiamo Elias, sono rifugiato e aiuto i poveri

Ventisei anni, ghanese, Elias fa parte di un gruppo di 60-70 richiedenti asilo che da due anni insieme alla Comunità di Sant’Egidio di Catania sono diventati amici dei poveri. «Non è un progetto creato a tavolino – spiega il responsabile Emiliano Abramo –. Siamo entrati al Cara di Mineo per portare aiuti materiali e abbiamo trovato innanzitutto una domanda di spiritualità molto forte».
Il quotidiano Avvenire lo ha intervistato. Continua a leggere

Nessun commento:

Posta un commento